Associazione Italiana Critica Enogastronomica
Alla Ricerca di Veritas Attualità e Curiosità

IL VINO NATO DAL GHIACCIO

Photo by Tannico

 

        D’inverno il sole stanco

                          A letto presto se ne va

                                                     Non ce la fa più

                                                                                               Non ce la fa più

Parliamo di Icewine o Eiswein, cioè di vini prodotti da grappolo d’uva che hanno subito un processo di congelamento naturale sulla vite.

Hanno origini incerte. La prima annata documentata di Eiswein e il 1830 a Dromersheim, in Germania.

Si pensa però, che la prima vendemmia di grappoli ghiacciati, dovuta ad una gelata improvvisa, risalga a 1794, in Franconia.

Per non rinunciare al raccolto, i vignaioli tedeschi decisero di provare a vendemmiare lo stesso, eleminando i cristalli di ghiaccio che affioravano nel mosto, ottenendo cosi un dolcissimo succo.

 

Photo by Daniella Romano, Instagram

Oltre alla Germania, cominciarono a produrre i vini di ghiaccio anche paesi come l’Austria, la Francia,  il Lussemburgo, la Slovenia,  la Croazia, la Romania, la Svizzera, e anche l’Italia.

Verso la fine degli anni Sessanta conquistarono anche il Canada, paese che vide in questa tipologia di vini, un’ottima opportunità di mercato, superando oggi la produzione mitteleuropea.

    La notte adesso scende

                Con le sue mani fredde su di me

                                            Ma che freddo fa 

                                                       Ma che freddo fa

Si tratta di vini eroici, in quanto vengono da una viticoltura estrema. La raccolta delle uve, avviene tra dicembre e  metà febbraio,  molto spesso di notte, per compiere tutte le operazioni durante le ore più fredde, ad una temperatura che non può essere superiore ai -7°C.

I vitigni più adatti per questo tipo di vinificazione, sono quelli di bacca bianca, come Reisling, Vidal, Chardonnay, Kerner, ma  non mancano gli Icewine rossi e rosati, prodotti da Cabernet Franc, accanto ai Pinot  Noir e qualche esemplare italiano prodotto da cultivar autoctone.

I torchi si trovano frequentemente a ridosso delle vigne, per fare in modo che la pressatura avvenga con i chicchi  ancora ghiacciati.

 

                                         Basterebbe una carezza

                                                                     Per un cuore di ragazza

                                                                                            Forse allora sì – che t’amerei

I grappoli, raccolti con cura a mano, sembrano di vetro e vengono spremuti delicatamente. In questo modo, gran parte parte dell’acqua sotto forma di cristalli di ghiaccio, resta nella presa s si estrae una piccolissima quantità di succo molto concentrato, ricco di zuccheri, acidi e composti aromatici.

Il mosto, risulta essere cosi ricco,  anche per via del lieve appassimento subito dal frutto, nel mesi precedenti alla raccolta; ottenuto grazie alle fasi di gelo e disgelo in vigna.

Il succo viene lasciato riposare per 48 ore e poi sottoposto ad una lenta fermentazione. Alla fine vini avranno circa 1’8 – 12% di titolo alcolometrico e una quantità di zuccheri e una quantità di zucchero che varia dagli 80 ai 280 g/l ( il doppio o addirittura il triplo,  del saccarosio ottenuto in un litro di Coca Cola!)

                                                        Cos’e la vita

                                                                                Senza amore

                                                                                                   è solo un albero

                                                                                                               Che  foglie non ha più

La domanda a questo punto sorge spontanea… Non è più facile pendere l’uva e congelarla? Un esempio accattivante, arriva dalla particolare cantina Golan Heights Winery, in Israele.

Le uve vengono conservate per un mese a -12°C e poi pressate. Yarden – Golan Heights Winery – 2015 – Gewurztraminer, non è quindi un Ice Wine, ma e un’ottima espressione di crioestrazione.

Al fine di garantire l’alta qualità del prodotto e preservare l’integrità  vini del ghiaccio, solo il vino ottenuto da uve naturalmente congelate ancora appese alla vite, può essere etichettato come “Eiswein”.

 

Ice Wine made in Italy, Casa Ronsil

I prodotti ottenuti da congelamento meccanico e artificiale (crioestrazione) si difiniscono invece Iced Wines, Riesling Ice o Vini Ghiacciati. 

Questa tecnica alternativa è pero vietata in Canada, Germania e Austria.

 

       E s’alza il vento

                    Un vento freddo

                                 Come le foglie

                                                Le speranze butta giù

 

Gli Ice Wine, sono molto apprezzati per loro rarità, dolcezza e intensità.

Tuttavia sono molto costosi, ma il loro prezzo è ampiamente giustificato. Basti pensare che con 3-4 kg di uva si ottiene una bottiglia da 375 ml.

Il colore incantevole, richiama le diverse sfumature dorate, ed è ben percettibile la presenza di zuccheri, che non risulta però stucchevole, grazie alla spalla acido-sapida che lo rende armonioso ed equilibrato.

Il cambiamento climatico di questi ultimi anni sta rendendo sempre più difficoltosa la produzione dei vini di ghiaccio, quindi vi consiglio di degustarli al più presto !

 

 Ma questa vita cos’e

                                        Se manchi tu.

                                                                (Nada, Ma che freddo fa)

Photo by Wine Folly

 

 

 

 

 

 

By  Jessica Vegetti

Potrebbe interessarti

L’ABITO NON FA IL MONACO

redazione

Delivery: Durante e Dopo il lockdown, il cambiamento d’obbligo

Marika Visentin

MARE DI FUOCO

redazione